Sulle sponde della vistola

Berlin, Martina Della Valle | 23 giugno 2016

IMGS: 1,3,4: Cricoteka – 2,5: Crico Café – 6: Il KRAKERS gallery week-end di Cracovia – 7-15: MOCAK
Una passeggiata sulle sponde della Vistola offre un’ampia panoramica su alcuni dei più interessanti luoghi dell’arte contemporanea di Cracovia.
Il MOCAK, il museo di arte contemporanea della città, è stato inaugurato nel 2011 dagli architetti italiani Claudio Nardi e Leonardo Maria Proli, negli ex spazi delle fabbriche di Schindler (quelle dello “Schindler’s List” di Steve Spielberg) nel quartiere di Podgórze.
Il museo espone principalmente opere di arte polacca degli ultimi due decenni ma anche di artisti internazionali, che fanno parte della collezione permanente o di mostre temporanee. Gli spazi ospitano anche una biblioteca e libreria, caffetteria e laboratorio di restauro d’arte contemporanea.
La Cricoteka è il Centro di Documentazione Artistica su Tadeusz Kantor, nato nel 1981. Per molti anni la sede del cento storico ha svolto la doppia funzione, di centro Teatrale e archivio teatrale.
Nel 2014 è stato aperto il nuovo centro espositivo, direttamente sulla sponda sud del fiume. Il nuovo edificio sovrasta e ingloba quella che era la centrale elettrica di Podgórze e omaggia nell’approccio progettuale lo spirito sperimentale che caratterizza l’opera di Kantor.
Poco più a est seguendo il fiume, nel 1994 è stato creato il Manggha Museum of Japanese Art and Technology. Disegnato da Arata Isozaki il museo è nato per esporre la collezione d’arte giapponese donata al Museo Nazionale di Cracovia dallo scrittore e collezionista Feliks Jasienski. Oggi ospita mostre temporanee dedicate alla cultura orientale.
CRICOTEKA
Nadwiślańska 2-4 www.news.cricoteka.pl
MOCAK
Ulika Lipowa 4 www.mocak.pl
KRAKERS
cracowgalleryweekend.pl
MANGGHA
Marii Konopnickiej 26

Tags: | | |