A playful day between love, fruits and sun

Milano, Charlotte Garlaschelli | 16 luglio 2011

Images Mark Borthwick per Philia©

Considerato artista d’avanguardia, Mark Borthwick è un musicista, un regista e uno dei fotografi più influenti della sua generazione. Nato a Londra nel 1966, si trasferisce prima in Francia nell’84, e undici anni più tardi a New York dove vive con la figlia e sua moglie, la designer Maria Cornejo.
Le sue mostre sono caratterizzate da un approccio avantgarde, in cui l’artista fa performance musicali ed happening, coinvolgendo altri musicisti e la collettività in genere.
Nel corso della sua carriera, ha scattato icone della scena creativa internazionale: Bjork, Patti Smith, Chloe Sevigny, Kim Gordon, Cat Power, Dash Snow, Mike Mills, Aaron Rose, Sonic Youth, sono solo alcuni degli artisti passati sotto la sua lente.
Mark inoltre ama il cibo e fare esperimenti culinari che sono parte dei suoi lavori creativi.
“Non c’è differenza tra musica, arte, fotografia o cucinare per gli amici” dice Borthwick in una passata intervista.

La campagna delle foto qui pubblicate – un progetto di Studio Blanco che ne ha curato la comunicazione – è stata realizzata per Philia, nuova linea di abbigliamento e prima collezione PE 2011 prodotta da Rilievi Group – specializzata in ricamo.

Mark risponde con affetto alle mail sostituendo la poesia alla prosa per ogni scambio dialettico.

Le immagini realizzate per Philia sono un progetto sorprendente per una campagna fashion, quasi non ci sono vestiti! Come è andata? E’ stato un tuo suggerimento sullo spirito del brand?
La sensazione è lì per sedurvi, per creare l’opportunità di sentire se stessi in una luce nuova, dove l’identità del brand è l’essere della persona. Nessun brand, nessun nome, nessuna immagine, che si basa su ciò si trova in mezzo i trend dei fashion magazine polverosi. dando all’immagine un senso di libertà, che respira una sua volontà propria senza la necessità di essere attaccati a un’altra identità.

Questo tipo di intimità, purezza, amore, semplicità, filia appunto, è una specifica dei tuoi scatti. Non è facile creare questo sentimento durante uno shooting, posso chiederti qual era la location e cosa hai fatto per fare in modo che questo sentimento apparisse nelle foto?
Siano benedette le tue dolci parole queste immagini sono state scattate a casa qui a Brooklyn, NY, l’intimità si trova nella pace di condividere tra amici e amanti per cui provo gratitudine per le foto dei miei amici, quando si genera un senso di fiducia. Detto questo, il modo in cui viviamo in mezzo a un’abbondanza di sentimenti mi fa sentire che devo condividere un’immagine. Ti dà l’opportunità di vedere la vita in una luce un poco diversa, a volte più luminosa senza cercare di deliziare. un’immagine esplora con sensualità tutto ciò che ancora non è mai stato visto.

Sei tra i pochi fotografi ad aver cambiato la fotografia fashion e il modo di vederla e percepirla. Stiamo cercando di creare una nuova prospettiva sulla fotografia di food unendola al fashion come un lifestyle mood. Cosa ne pensi?
Sì deliziosamente così, “portiamoli tutti insieme” perchè il cibo e il modo in cui si può documentare possono rivelarsi un’interessante fonte di ispirazione. Inoltre sento che le porte sono aperte, spalancate, per vedere le cose in un modo differente. Dove si possono condividere le cose semplici della vita che portano le persone a riunirsi, famiglie, amici
un’immagine che esprime un sentimento di gioia per gli occhi sono felice di dire che lavorerò sul mio primo libro di cucina senza ricette e senza regole.

Quali frutti hai usati per queste foto?
c’è una visione di un’albicocca che è stata abbandonata al suo viaggio in canoa
passando attraverso un fiume per innamorarsi
un fico il cui frutto arriva per esplodere
là verso la montagna c’è la visione di un orizzonte che si leva
una storia d’amore che ti seduce
al frutto degli alberi, il cui amore mi arriva
perchè sono toccato dagli occhi delle sue foglie
che mi portano altrove
poichè ogni sentiero ti porta via

libera traduzione di Maria Emelianova per Essen

Tags: | | | | | | | | | | | |